Giovedì 20 Giugno 2019

Elezioni. Morrone (Lega): l'appuntamento con la vittoria nei Comuni del ravennate è solo rimandato

Mercoledì 29 Maggio 2019 - Bassa Romagna, Lugo
Jacopo Morrone

L'on. Jacopo Morrone, Sottosegretario alla Giustizia e leader della Lega Romagna, si dice soddisfatto del risultato di domenica 26 maggio in provincia di Ravenna. E come dargli torto? La Lega ha preso il 32,5% e ha quasi raggiunto il Pd che si attesta al 34%. In 9 comuni su 18 arriva addirittura davanti agli storici rivali. Eppure c'è qualcosa che non torna. Dopo il voto delle europee - e anche prima, a dire la verità - i dirigenti della Lega erano convinti di poter conquistare qualche piazza importante del ravennate e di portare via qualche "rocca" al dominio della sinistra. 

Così non è stato. O meglio, è accaduto solo in un caso, a Brisighella. Troppo poco per gli appetiti della Lega e quel 12 a 1 per il centrosinistra brucia. Ma Morrone dice serafico: ci stiamo preparando e l'appuntamento con la vittoria è solo rimandato.

 

L'INTERVISTA

On. Jacopo Morrone, in Romagna la Lega è andata bene, nell’area di Forlì, Cesena, Rimini benissimo. A Ravenna però, malgrado l’avanzata alle europee, non siete riusciti a sfondare alle comunali.

“Sicuramente nella bassa ravennate, nei tanti comuni che andavano al voto, è inutile negarlo, il Partito Democratico ha una storia decennale e una struttura molto ben organizzata. Malgrado questo, in tante realtà li abbiamo messi molto in difficoltà e il Pd è stato costretto con i suoi candidati a fare tante promesse che sicuramente non riuscirà a mantenere. Noi siamo il primo partito in Emilia-Romagna e la forza che ha trainato la coalizione alternativa alla sinistra. Ci siamo strutturati in maniera forte in tanti comuni dove fino a ieri non avevamo nemmeno mezzo consigliere comunale: adesso magari ne abbiamo 4/5, anche nei comuni più piccoli. Quindi per noi il risultato non può essere che positivo.”

Non avete vinto nei comuni ravennati, ma tallonate il Pd da vicino e questo vi soddisfa.

“Certo, quando si corre si corre per vincere, però occorre valutare anche il punto di partenza. Il Pd e i suoi alleati partivano da un’organizzazione e da una presenza sul territorio forte da decenni. Noi partiamo qui da un radicamento molto più recente e, malgrado questo, in molte realtà abbiamo insidiato la sinistra. Ora abbiamo costruito una presenza, delle squadre, abbiamo dei consiglieri dove prima non c’era quasi nulla. Il Pd pur di vincere, non solo ha fatto promesse che non potrà mantenere, ma ha anche fatto alleanze con forze difficili da tenere insieme. Sono convinto che faranno fatica a governare e in alcuni comuni le Giunte appena elette rischieranno di saltare prima del tempo.”

Il segretario del Pd Barattoni ha detto ieri che la Lega promette sempre di vincere ma qui non vince mai, fa come per le trivelle: promette soluzioni che non arrivano mai.

“Le trivelle sono un’altra cosa. È un problema che riguarda il governo nazionale e confermo che c’è la nostra attenzione massima a ciò che chiede l’impresa, a ciò che riguarda lo sviluppo economico dei territori. C’è un contratto di governo e ci sono delle dinamiche in cui noi cercheremo di far valere la nostra forza e i nostri numeri, che sono cambiati nel corso del tempo dal 4 marzo al voto europeo di domenica. Noi abbiamo già vinto e andremo a vincere in tanti comuni. Intanto a Ravenna abbiamo già vinto a Brisighella, primo comune strappato alla sinistra. Si inizia da una falla."

Per abbattere la diga.

"Sì. Brisighella per noi è la falla importantissima che ci consentirà poi di far crollare tutto il sistema, bisogna solo aspettare un po’ di tempo. Abbiamo davanti a noi 5 anni di lavoro, abbiamo tempo, non abbiamo fretta. Magari già il prossimo anno potranno esserci delle novità a Faenza, un comune dove possiamo vincere e io sarò in campo per raggiungere questo obiettivo, sarò a breve lì a riunire i nostri militanti per mettere a punto la strategia giusta per il prossimo anno. Fossi nel Pd non sarei per niente tranquillo. Noi siamo organizzati, strutturati e non ci fermiamo.”

In parte l’ha già detto, ma glielo chiedo più esplicitamente: esiste un problema di gruppi dirigenti locali credibili della Lega nei comuni del ravennate?

“C’è una classe dirigente nuova che si è formata, che si sta formando e sta crescendo. Tanti di questi avranno cinque anni di tempo per crescere ancora, per farsi valere, farsi conoscere e per contendere la vittoria alla sinistra alla prossima occasione, forse anche prima dei cinque anni. Noi siamo agguerriti anche se sono tutti uniti contro la Lega, con situazioni intollerabili come le scritte di Lugo.”

Quelle però non sono imputabili al centrosinistra, sono imputabili a estremisti di estrema sinistra.

“Certo, certo, non voglio essere frainteso. Però vedo che c’è un sistematico attacco e un clima contro la Lega - personalmente ho dovuto rimpiazzare vetrine spaccate o togliere cartelli imbrattanti – e in certi casi mi aspettavo una condanna più netta e più forte da parte dei Sindaci locali e di tutto il sistema democratico. Comunque, a livello amministrativo ci stiamo preparando. E presto saremo pronti anche nel ravennate.”

A Lugo Davide Ranalli ha vinto al primo turno mentre 5 anni fa fu costretto al ballottaggio. Siete rimasti delusi? Dopo le europee vi aspettavate un risultato diverso? E così in altri comuni?

“Io sono sempre stato con i piedi per terra. Il voto europeo è un discorso, il voto nazionale un altro, quello regionale un altro ancora e il voto amministrativo poi è un altro pianeta.”

Adesso vi preparate a dare l’assalto alla Regione?

“Quello sicuramente. I nostri obiettivi sono la Regione e le amministrative del prossimo anno, con Faenza al primo posto, che seguirò personalmente per portare a casa il risultato.”

E poi ora, subito, avete i ballottaggi in Romagna?

“Fino al 9 giugno siamo concentrati sui ballottaggi di Forlì, Cesena, Savignano sul Rubicone. Sono tre ballottaggi importanti che possono anche cambiare il quadro non solo romagnolo ma anche regionale.”

Insomma, l'appuntamento con la vittoria nel ravennate è solo rimandato?

“Sì è solo rimandato.”

 

A cura di P. G. C.

2Commenti ...Commenta anche tu!

Commenti

Perché non vedi il tuo commento? Leggi le policy.

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Lugonotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@lugonotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.

  • Cercate di mantenere le promesse a livello nazionale visto che siete al governo del paese!altrimenti forse farete come la neve sotto il sole!!!! Auguri!

    29/05/2019 - Libero

  • è na minaccia..

    29/05/2019 - fabiola



Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

Meteo Lugo

 

Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione

Credits webit.it