Martedì 23 Aprile 2019

La Bassa Romagna prende piede: in più di 500 in viaggio con i Piedibus nelle prime due settimane

Mercoledì 10 Aprile 2019 - Bassa Romagna, Lugo

Sono trascorse le prime due settimane di avvio sperimentale dei percorsi Piedibus nei Comuni dell’Unione della Bassa Romagna: in occasione del lancio della campagna regionale per la mobilità sostenibile sui percorsi casa scuola “Siamo Nati per Camminare”, sono state attivate in via sperimentale, con la partecipazione di 500 bimbi e 140 volontari del territorio quasi 30 di linee di Piedibus nelle scuole primarie della Bassa Romagna. L’iniziativa fa parte del progetto “La Bassa Romagna prende piede”, che ha l’obiettivo di potenziare la mobilità sostenibile sui percorsi casa scuola su tutto il territorio. 

 

Dai circa 180 iscritti della fase di avvio il numero dei partecipanti ai percorsi degli speciali scuolabus a piedi è più che duplicato in questi primi 15 giorni di avvio, segno dell’entusiasmo delle famiglie per questa che su tanti territorio è una nuova opportunità per l’organizzazione quotidiana.

29 bimbi e 10 volontari a Bagnara, 65 passeggeri e 27 volontari a Bagnacavallo, 38 con 12 “autisti” a Conselice e ancora 29 e 15 a Sant’Agata, ben 82 con 15 accompagnatori a Fusignano, 38 e 10 a Lugo (più i 44 bimbi dell’Istituto San Giuseppe già attivo dall’ottobre del 2016 grazie a un gruppo di genitori), 29 e 13 a Massa Lombarda. Senza dimenticare l’ormai decennale e partecipassimo Piedibus di Alfonsine con i suoi 163 bimbi guidati da 28 volontari.

 

Tra gli accompagnatori, genitori, nonni, ma anche singoli cittadini e membri delle attivissime associazioni del territorio che, come AUSER, si stanno mettendo in gioco per far funzionare questo vero e proprio progetto di comunità. Il guadagno, oltre che in risparmio sul trasporto, è in relazioni, salute, sostenibilità, benessere, riduzione del traffico in particolare davanti alle scuole, senza dimenticare i vantaggi per l’autonomia e lo sviluppo di una maggiore conoscenza del territorio da parte di grandi e piccoli. Con la scorsa settimana si è concluso anche lo speciale contest lanciato dall’area Educazione alla sostenibilità di Arpae Emilia-Romagna con il coordinamento del Centro Antartide di Bologna che ha coinvolto tutte le scuole primarie del territorio regionale. I bimbi sono stati invitati, per i giorni dal 25 marzo al 6 aprile, a sperimentare modalità di spostamento tra casa e scuola il più sostenibili possibile e a tenerne traccia in appositi cartelloni consegnati alle classi grazie al Ceas dell’Unione: anche le scuole della Bassa Romagna hanno partecipato attribuendo naturalmente punteggi aggiuntivi a chi ha scelto i nuovissimi Piedibus. Da oggi iniziano i conteggi: le classi vincitrici saranno invitate in Regione e premiate durante un evento conclusivo finale che si terrà a maggio.

 

“La Bassa Romagna Prende Piede” è un tassello del più ampio progetto “L’Unione fa... bene: mobilità sostenibile casa-scuola a piedi e in bici” , finanziato dal Ministero dell’Ambiente e della tutela del territorio e del mare nell’ambito del Programma sperimentale nazionale di mobilità sostenibile casa-scuola e casa-lavoro, e di cui l’Unione dei Comuni della Bassa Romagna è partner insieme al capofila l’Unione della Romagna Faentina. Le azioni sui percorsi casa-scuola, per le quali l’Unione si avvale del supporto del Centro Studi Antartide di Bologna esperto di questi temi, stanno interessando tutte le scuole primarie di tutti i Comuni dell’Unione e sono finalizzate a incentivare forme di mobilità sostenibile in particolare delle famiglie: nei mesi scorsi si è lavorato anche alla formazione di veri e propri Mobility Manager scolastici che stanno curando insieme agli esperti il progetto con la prospettiva di proseguire con i Piedibus anche nei prossimi anni scolastici. Una speciale piattaforma web utile a progettare i percorsi a partire dalla residenza degli alunni e la relativa App sono l’interfaccia informatica del progetto che sarà a breve utilizzata anche dagli accompagnatori. Tutte le informazioni per aderire al progetto sono disponibili sul sito dell’Unione dei Comuni della Bassa Romagna. 

 

1Commenti ...Commenta anche tu!

Commenti

Perché non vedi il tuo commento? Leggi le policy.

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Lugonotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@lugonotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.

  • Bellissima iniziativa !!!! Spero che duri nel tempo affinché le mie bimbe che frequentano il nido possano farne parte un domani!

    11/04/2019 - Serena



Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

Meteo Lugo

 

Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione

Credits webit.it