Giovedì 25 Aprile 2019

Tiziano Bordoni: Sui rifiuti serve un cambio di passo

Mercoledì 3 Aprile 2019 - Conselice

La presentazione del progetto di nuovo sistema di raccolta rifiuti che Hera e l’Amministrazione Comunale stanno proponendo ai cittadini in una serie di pubbliche assemblee deve essere occasione per una riflessione più vasta sul modo in cui questa questione impatta sulle nostre vite.

 

E’ stato annunciato in tempi rapidi il raggruppamento del servizio di raccolta differenziata, indifferenziata e organica presso zone chiamate IEB (Isole ecologiche di base). Ad essa viene inoltre accompagnata dall’indicazione rivolta ai cittadini di procedere ad un dimezzamento della produzione pro capite di rifiuti indifferenziati (stimata ora in 300 kg ad abitante per il nostro Comune) allo scopo di raggiungere il duplice obiettivo europeo di un aumento della percentuale di differenziazione dei rifiuti e allo stesso tempo giungere ad una riduzione complessiva del 20% della produzione di rifiuti stessa.

 

Durante le assemblee i cittadini presenti hanno spesso fatto domande tecniche indirizzate a comprendere dove conferire i vari rifiuti per non incorrere in errori e mostrato anche una sensibilità che pervade larga fascia della popolazione sul non abbandonare rifiuti in maniera indiscriminata. A questi comportamenti positivi si affianca però un crescere delle segnalazioni di abbandoni nelle aree ecologiche o vicino ai cassonetti di rifiuti che potrebbero e dovrebbero essere conferiti alle aree ecologiche o seguire i procedimenti di riconsegna previsti per evitare inquinamenti ambientali. Ecco perché crediamo che sia opportuno come del resto accade in altre parti del Paese una vigilanza preventiva per evitare abusi e ingiustizie nei confronti di chi svolge coscienziosamente il proprio dovere civico.

 

Il modello propugnato dell’economia circolare in sostituzione a quello lineare, cioè produrre e poi procedere al riciclo e al riutilizzo degli rifiuti per reinserirli di nuovo nel processo di produzione sembra essere il nuovo uovo di Colombo. Ma in realtà a nostro giudizio il cerchio dovrebbe essere ridotto e semplificato in partenza. Perché se è giusto richiedere ai cittadini di agevolare il più possibile il recupero dei materiali che non utilizzano più, il peso maggiore di questo circolo virtuoso dovrebbe ricadere sui produttori. In particolare coloro che nella realizzazione di prodotti più che moltiplicare il ciclo di produzione, uso, abbandono, recupero e nuova produzione dovrebbero privilegiare la durata e non l’obsolescenza pianificata o processi che pur utilizzando materiali potenzialmente riciclabili, finiscono nella indifferenziata perché considerati troppo costosi da separare e finiscono fatalmente per diventare una particolare categoria (molto ampia) di rifiuti non avviati al riciclo o paradossalmente scarto del riciclaggio destinato agli inceneritori (anche essi sorpresa parte integrante del processo di economia circolare e di cui bisognerebbe verificare il peso effettivo).

 

Tutto questo mentre appaiono sempre più insostenibile una “tassa” come la TARI che chiede l’integrale recupero del costo del servizio, “spalmando” sul costo delle bollette anche la parte relative alle utenze inesigibili. Lo diciamo molto chiaramente: ai comportamenti virtuosi e alla modesta scontistica che li accompagna è indispensabile affiancare una puntuale e trasparente analisi dei costi del servizio e alla programmata riduzione della produzione dei rifiuti deve accompagnarsi una contestuale riduzione degli importi delle bollette.

 

Altrimenti il rifiuto resterà un onere per molti (peso inutile al momento degli acquisti, impegno elevato nella separazione in presenza di contenuti misti, costo nella fatturazione del servizio di raccolta sia esso legato alle dimensioni dell’immobile o in un futuro con tariffa puntuale) e un ulteriore profitto per chi lo tratterà (nella gestione del servizio, nel ricavarne energia,ecc).

 

Tiziano Bordoni, Capogruppo Rifondazione Comunista - Comunisti Italiani - Per la sinistra per il Comune di Conselice

1Commenti ...Commenta anche tu!

Commenti

Perché non vedi il tuo commento? Leggi le policy.

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Lugonotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@lugonotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.

  • FINALMENTE QUALCUNO SEMBRA SI OCCUPI DI RIFIUTI SERIAMENTE--QUANDO NEL 1987 RIENTRAI IN ROMAGNA COMINCIAI A PROPORRE LA RIFIUTOLOGIA IN CITTà E NELLA SCUOLA DOVE INSEGNAVO A LUGO,COMPARVERO I CASSONETTI-ORA SIAMO DI NUOVO AGLI INIZI E SONO ANCORA DISPONIBILE..GRAZIE LUCIANO BARUZZI RIFIUTOLOGO-GEOGRAFO-ORA A LUGO

    03/04/2019 - luciano baruzzi



Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

Meteo Lugo

 

Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione

Credits webit.it