Venerdì 21 Giugno 2019

Per la Buona Politica non vota la norma finalizzata a non concedere luoghi pubblici ai nazifascisti

Sabato 2 Marzo 2019 - Lugo

Secondo Verlicchi e Drei "l'ideologia va lasciata fuori dall'amministrazione degli enti locali"

"Da giovedì 28 febbraio chi intende chiedere al Comune di Lugo di potere occupare uno spazio o un’area pubblica, dovrà attestare di essere di “provata fede antifascista”. Non è purtroppo uno scherzo, come si potrebbe pensare, ma solo l’ultima trovata della Giunta PD, introdotta nel vigente Regolamento comunale della Tosap (tassa per l’occupazione di spazi e aree pubbliche), accorgimento che certifica il ridicolo in cui si può cadere quando l’ideologia invade il campo della pubblica amministrazione." Così Silvano Verlicchi e Roberto Drei (Per la Buona Politica) commentano la nuova norma che mira ad evitare che piazze e sale pubbliche siano concesse a forze che si richiamano dichiaratamente al nazifascismo. 

"L’iniziativa assunta non a caso in una serie di Comuni a guida PD come Cesena e Bologna, per fare qualche nome, nasce dall’ultimo allarme lanciato sul pericolo che le istituzioni correrebbero, a giudizio del PD, da un presunto risveglio del fascismo nel nostro paese. - continuano Verlicchi e Drei - Non è una novità, ma fa parte di una consolidata strategia politica della sinistra che quando si trova a corto di argomenti concreti, si inventa una minaccia, un pericolo, a prescindere dalla sua effettiva presenza."

Al momento del voto, i consiglieri del gruppo Per la Buona Politica presenti in aula, Verlicchi e Drei, hanno fatto mettere a verbale la loro non partecipazione al voto con temporanea uscita dall’aula, non volendo riconoscere la validità del provvedimento. Secondo Verlicchi e Drei "l'ideologia va lasciata fuori dall'amministrazione degli enti locali."

3Commenti ...Commenta anche tu!

Commenti

Perché non vedi il tuo commento? Leggi le policy.

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Lugonotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@lugonotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.

  • È voi sareste quelli che si definiscono "buona politica"?Vergognatevi se vi è restata un poco di coscienza civile!

    02/03/2019 - Votante

  • Dire vergogna significa offendere e oltraggiare. La persona che offende senza farsi riconoscere è senza qualifica. Provare vergogna significa avere un timore per azioni,pensieri o parole sconvenienti e indecoroso. Da capogruppo per la Buona Politica,amante della libertà individuale e collettiva,mi riconosco nei valori e nei principi della Costituzione Repubblicana Italiana,nata dalla Resistenza antifascista. A Lugo,ad avviso del gruppo che rappresento in consiglio comunale,non c'è bisogno di introdurre regole aggiuntive. La materia è ampiamente disciplinata da vigenti leggi dello Stato e di polizia per la tutela dell'ordine pubblico. Inoltre,sin dai primi anni 70 Lugo,con apposita delibera e regolamento attuativo,tutt' ora vigente,è stata dichiarata città chiusa al fascismo. A queste leggi dello Stato democratico italiano e a questi regolamenti comunali,il sottoscritto e il Gruppo per la Buona Politica,si attengono. Il resto è pura ideologia.

    03/03/2019 - Silvano

  • Purtroppo i nazifascisti vengono sempre più sdoganati e voi con questo non voto demagogico li aiutate a crescere, vi sembra proprio buona politica?

    03/03/2019 - Votante



Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

Meteo Lugo

 

Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione

Credits webit.it