Mercoledì 27 Marzo 2019

Lugo. Treno Ravenna-Bologna stracolmo di passeggeri, costretto a sosta forzata in stazione

Venerdì 1 Marzo 2019 - Bassa Romagna, Lugo
Immagine di repertorio

Interrogazione della Rontini (Pd): convogli insufficienti ed obsoleti, che costringono a viaggiare in condizioni certamente poco dignitose e forse anche pericolose

Interrogazione dopo nuovo disservizio alla stazione di Lugo, dove il treno già stracolmo di passeggeri è stato costretto a una sosta forzata di oltre mezz'ora. I disagi segnalati dai pendolari della linea ferroviaria Ravenna-Bologna, l'ultimo dei quali verificatosi la mattina di martedì 26 febbraio alla stazione di Lugo, al centro di un'interrogazione di Manuela Rontini del Partito democratico, che riporta l'attenzione sul "problema dei convogli insufficienti ed obsoleti, che costringono a viaggiare in condizioni certamente poco dignitose e forse anche pericolose".

Il caso a cui fa riferimento la consigliera dem riguarda un treno della tratta Rimini-Ravenna-Lugo-Bologna, arrivato alla stazione di Lugo già pieno di passeggeri. Le poche persone scese non avrebbero liberato sufficiente spazio per far salire i tantissimi passeggeri diretti a Bologna che, ammassati alle porte, avrebbero costretto il treno ad una sosta forzata di oltre mezz'ora. Solo verso le 8.45, con l'imminente arrivo del successivo treno, gli appelli lanciati ripetutamente dai microfoni hanno convinto "i passeggeri che non avevano fretta a scendere dal treno e prendere quello successivo".


"Nelle prime giornate di attuazione del nuovo orario (in vigore dallo scorso 10 dicembre) si sono verificati disagi legati a una sottodotazione di carrozze e a ritardi- spiega la consigliera Pd- soprattutto sui treni che si dovevano caratterizzare per una diminuzione dei tempi di percorrenza. Questi disagi, come conferma l'episodio del 26 febbraio, sono tutt'ora ricorrenti". Secondo Rontini, alcune località maggiori come Lugo si sono trovate "fortemente penalizzate" dal nuovo orario dal momento che, a fronte di un generale miglioramento dei tempi di percorrenza della maggior parte dei treni diretti a Bologna, sarebbe calato il numero dei collegamenti con il capoluogo regionale (sono ad esempio stati soppressi gli unici due convogli del pomeriggio, che rientravano in città senza fermate intermedie) e, soprattutto, di quelli con le località intermedie (sia in direzione Bologna che in direzione Ravenna)" causando notevoli disagi a lavoratori e studenti che utilizzano quotidianamente il treno, gravitando sulla città di Lugo". La consigliera dem sottolinea anche come questa sia una linea strategica, che durante l'anno vede spostarsi quasi 5.000 passeggeri al giorno sulla tratta e che, soprattutto nel periodo estivo, è funzionale alle esigenze delle località turistiche dislocate lungo la riviera romagnola. Per questo l'interrogazione del Partito democratico chiede alla giunta quali siano i dati dei ritardi e dei disservizi registrati sulla linea Ravenna-Bologna nell'anno in corso, quali provvedimenti siano stati presi e quali sanzioni erogate. Chiede inoltre "se, alla luce dei continui ritardi, il gestore sia in grado di garantire il rispetto del nuovo orario o se non ritenga più opportuno ritornare a quello precedente, ripristinando anche tutte le fermate intermedie e le corse soppresse" e in che modo intenda agire "per rimodulare gli orari, adeguandoli alle esigenze degli utenti che, per ragioni di studio o lavoro, utilizzano quotidianamente il mezzo pubblico, per migliorare il servizio con carrozze adeguate agli standard di comfort e sicurezza europei, assicurando sempre un numero sufficiente di posti a sedere (anche in occasione di eventi di particolare richiamo nelle località lungo la tratta)".

7Commenti ...Commenta anche tu!

Commenti

Perché non vedi il tuo commento? Leggi le policy.

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Lugonotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@lugonotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.

  • Sabato 9 marzo ore 10,30 flash Mob davanti stazione di Lugo

    01/03/2019 - Paolo

  • Condivido.io pendolare Lugo San Lazzaro ho avuto un peggioramento ed un aggravio di spesa x spostamento in auto.il treno delle 16.15 non effettua più la fermata San Lazzaro.spero che lo ripristino a breve.auguro a chi ha preso queste decisioni si ritrovi a subire ciò che subiamo noi pendolari che pagano anche il loro stipendio

    02/03/2019 - Loretta melandri

  • Questa amministrazione è molto competente per quanto attiene alle inaugurazioni e alle cose futili. Per le cose importanti..... lasciamo perdere.

    02/03/2019 - Dario

  • Guardi Dario che lo sanno anche i sassi che i comuni non hanno competenza sul trasporto pubblico e che non decidono orari, numero carrozze, infrastrutture ecc ecc. Quanti incompetenti da tastiera...

    02/03/2019 - Alessandra

  • I comuni non trattano con trenitalia, ma la regione si dal 2000 con la legge Bassanini, ma sembra di essere al terzo mondo in fatto di trasporto pubblico, se non hai l'auto privata non vai nemmeno a trovare un ammalato per i comuni appartenenti alla bassa Romagna .

    03/03/2019 - Anna

  • competenti o no i comuni sono formati dai cittadini che desiderano avere una mobilità sostenibile ed il trasporto pubblico efficiente-Quante discussioni con l allora assess regionale PERI PER AVERE TRENI E MINIBUS OVUNQUE--GRAZIE LUCIANO BARUZZI WWFITALIA E GEOGRAFO--LUGO

    03/03/2019 - luciano baruzzi

  • BRAVA BRAVISSIMA ANNA MA FIRMIAMOCI IN MODO COMPLETO SENZA PAURA PER POTER POI OPERARE UNITI PER INTERVENTI CONCRETI COME LA MOBILITà SOSTENIBILE CHE INFLUISCE ANCHE SULL EFFETTO SERRA E SULLA SALUTE RECIPROCA PER FARE A MENO DI OSPEDALI-GRAZIE LUCIANO BARUZZI AMBIENTALISTA LUGO

    04/03/2019 - luciano baruzzi



Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

Meteo Lugo

 

Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione

Credits webit.it