Martedì 22 Gennaio 2019

Lorenzo De Benedictis: Legge di bilancio, un cambio di passo c'è stato, ma assolutamente in negativo

Lunedì 31 Dicembre 2018 - Bassa Romagna
Lorenzo De Benedictis

Apprendiamo con stupore e perplessità quanto dichiarato dalla Lega nella giornata di domenica, rispetto alla "manovra economica“ approvata poche ore fa dalla Camera dei Deputati. Considerando che - dati alla mano - la crescita economica di questo paese negli ultimi sei mesi è stata zero, e l'unica cosa che è cresciuta è stata lo spread. 

La legge di bilancio poteva essere lo strumento adeguato per dimostrare la visione del futuro di questo Paese delle due forze che si sono candidate come alternativa al Governo ovviamente da noi sostenuto, ed effettivamente bisogna riconoscere che un cambio di passo c'è stato: ma assolutamente in negativo.

Innanzitutto basti pensare alla confusione che è stata creata attorno a questa legge. Prima la bocciatura da parte dell'Europa. Poi i tagli agli investimenti; l'aumento della pressione fiscale (per la prima volta in 5 anni); aumento del deficit rispetto a quanto programmato; la confusione rispetto alle tematiche trattate: no profit, tassa sulle nuove auto; aumento IVA del 2020.

Ma il fulcro centrale di tutto questo è stato che i Parlamentari (di maggioranza e minoranza) si sono ritrovati a votare un testo che non sono nemmeno riusciti a leggere, vista la confusione creata e la necessità di una votazione entro le ultime ore del 2018 per evitare l'esercizio provvisorio.

Nonostante tutto questo, essendo amministratore locale, apprendo con ancora più stupore quanto dichiarato dalla stessa amministratrice locale Gardin. Capisco senza dubbio che le tematiche di Ravenna possono apparire più interessanti rispetto a quanto viene discusso nel territorio della Bassa Romagna, ma come si evince portando figli e o nipoti a scuola nelle nostre città i fondi per la messa in sicurezza delle scuole o per gli edifici pubblici sono già stati erogati dal governo precedente ma anche dalla stessa Regione Emilia Romagna.

Con questo non si vuole assolutamente criticare eventuali nuove risorse per la messa in sicurezza dei luoghi pubblici del nostro territorio, però è necessario non delegittimare l'operato tangibile di un governo di colore differente rispetto al proprio. Cosa che in Italia succede molto spesso. Come è necessario ricordare che davanti ad un contributo (come dichiara la Gardin) per i Comuni della Provincia di Ravenna di 970.000 euro, i Comuni della Bassa Romagna dalla Regione Emilia Romagna, proprio per l'operato svolto dalle amministrazioni, hanno ricevuto il contributo più alto (in Regione) per l'anno corrente pari a 750.000 euro - solo per i Comuni della Bassa Romagna.

Fondi già ricevuti anche negli anni passati ed utilizzati anche per l'implementazione del progetto di realizzazione dei varchi elettronici, per migliorare la sicurezza dei nostri territori. Capisco fortemente che in questo momento la confusione regni sovrana e farsi carico di alcune azioni può essere utile nella discussione in vista delle Amministrative 2019. Ma da amministratore locale non ammetto la propaganda sui piccoli Comuni che faticano a fare investimenti sul territorio e che, come da legge di bilancio, subiranno il blocco del turnover del personale di cui i nostri Comuni hanno tanto bisogno.

Lorenzo De Benedictis

Capogruppo PD Bassa Romagna

1Commenti ...Commenta anche tu!

Commenti

Perché non vedi il tuo commento? Leggi le policy.

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Lugonotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@lugonotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.

  • Il tempo è galantuomo recita un vecchio proverbio, il governo attuale è stato votato il 4 marzo 2018, le persone vogliono un cambiamento è stato chiaro anche in Romagna , perseguire la politica della critica non porta da nessuna parte, sembra un mantra del PD , cambiate pelle, forse avrete un po' di consenso.

    31/12/2018 - Anna



Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

Meteo Lugo

 

Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione

Credits webit.it