Sabato 17 Novembre 2018

LA POSTA DEI LETTORI / Cambiare nome a Via Cadorna. Non fu uno stratega. Immolò migliaia di soldati

Mercoledì 7 Novembre 2018 - Bagnacavallo, Bassa Romagna

A Bagnacavallo, a ridosso dell’antico sferisterio, sopravvive una strada intitolata al generale Luigi Cadorna, collocata significativamente in periodo fascista poichè il regime lo aveva rivalutato. La città di Udine, sede del Comando supremo dell’esercito durante la Prima guerra mondiale, ha cambiato recentemente ed ufficialmente nome alla piazza a lui dedicata: oggi si chiama Unità d’Italia. Così in tanti altri paesi italiani.

Questo perché il comandante del nostro esercito fino al 1917 è stato ritenuto lo stratega che ha immolato le vite di centinaia di migliaia di soldati in sterili attacchi frontali mostrando indifferenza per le loro atroci sofferenze in trincea.


E’ ritenuto inoltre responsabile della barbara pratica delle decimazioni e di aver impedito l’invio dei pacchi della Croce rossa ai nostri soldati prigionieri degli austriaci avendoli accusati di vigliaccheria dopo la disfatta di Caporetto. “Erano disertori e non degni di vivere: questo il pensiero del comando supremo e di Cadorna.” Ne morirono centomila, molti letteralmente di fame.


Sarebbe opportuno cambiare nome alla via, oppure, per limitare spese ed eventuali disagi ai cittadini residenti, limitarsi a trasformare il solo nome poiché il figlio Raffaele è stato Comandante delle forze partigiane del Nord Italia raccolte nel Corpo volontari della libertà: ossia non più Luigi, ma Raffaele Cadorna.


Credo che oggi, nel centenario della fine della prima guerra mondiale (1918-2018), sia importante cogliere quest’opportunità proprio nei giorni della cosiddetta “vittoria”. Come ha scritto qualche tempo fa lo scrittore Ferdinando Camon avanzando la stessa proposta a Padova, “aver dato il nome di Cadorna è stato ieri un errore. Mantenerlo ancora, diventa ormai una colpa”.


Angelo Ravaglia

 

2Commenti ...Commenta anche tu!

Commenti

Perché non vedi il tuo commento? Leggi le policy.

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Lugonotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@lugonotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.

  • Sono favorevole

    07/11/2018 - Giovanni

  • Io credo occorra risparmiare il più possibile disagi ai cittadini residenti, i quali dovrebbero cambiare, temo a loro spese, i documenti di identità. L'opzione "Raffaele Cadorna" jr per il figlio o sr per il generale di Porta Pia mi sembra una buona idea se i pubblici uffici si contenteranno che l'aggiornamento dell'indirizzo avvenga solo all'atto del rilascio di un documento.

    14/11/2018 - Battista Cavassi



Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

Meteo Lugo

 

Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione

Credits webit.it