Martedì 26 Marzo 2019

Art.1 MDP Bassa Romagna: Sanità locale in declino, serve cambio di rotta

Mercoledì 29 Agosto 2018 - Bassa Romagna

Art.1 Bassa Romagna non intende rassegnarsi all’evidente degrado della Sanità pubblica del Distretto Bassa Romagna. Non ci sfuggono le responsabilità nazionali, dell’aver portato al collasso, nel corso degli anni, la coraggiosa Riforma del 1978 che istituì il SSN, superando il vecchio sistema delle mutue.

 

Abbiamo assistito nel tempo, senza saper reagire adeguatamente, ad una manovra a tenaglia, che ha tagliato le risorse, introdotto i superticket della maggior parte delle Regioni e bloccando  le assunzioni e con privilegi enormi verso i  privati e le assicurazioni.


Il risultato è il degrado attuale. Nella cornice generale di collasso del pubblico, al di là di correttivi episodici introdotti dalla Giunta Regionale, come l’impegno all’abolizione dei superticket a partire dal prossimo gennaio 2019, il distretto della Bassa Romagna arretra vistosamente, nonostante lo spirito di sacrificio, la professionalità e l’impegno del personale medico e paramedico.


Qualunque residente ha potuto toccare con mano direttamente o con propri famigliari, questa verità, cominciando dall’Ospedale, quotidianamente a corto di medici e infermieri, con un indebolimento di tutta l’attività chirurgica, variamente distribuita nei vari reparti (Chirurgia generale, ginecologia, urologia).


Per non parlare anche della clamorosa insufficienza di personale al Pronto Soccorso, della mancanza della terapia intensiva di rianimazione pediatrica, della fuga di tante competenze eccellenti, delle liste di attesa, della esosità dei ticket.


E poi parliamo della destinazione di pazienti anziani, bisognosi di attenzioni anche famigliari, in presidi sempre più lontani, nella totale assenza di una rete di trasporti pubblici integrata con la dislocazione territoriale dei punti di ricovero.


In un recente incontro pubblico con gli amministratori dei Comuni della Bassa Romagna, il direttore Generale dell’AUSL di Romagna, Dott. Tonini, ha illustrato importanti progetti di riqualificazione ospedaliera.


Noi intendiamo farci parte attiva nel rivendicare l’ampliamento  del progetto, in considerazione del fatto che i distretti più deboli, come quello della Bassa Romagna, oggi si sono ulteriormente indeboliti.


La governance dell’AUSL ha visto il progressivo disimpegno dei Sindaci e dei rappresentanti delle comunità locali e la crescente delega al management e alle burocrazie, in questo caso in linea con quello che è avvenuto in Regione e su tutto il territorio nazionale.


Il fondamento della Riforma del 1978 era curare la salute attraverso la prevenzione e la cura del territorio, in alternativa alla ospedalizzazione. Il progetto Case della Salute rappresenta un elemento qualificante di attuazione dei principi della riforma, in quanto mirato a potenziare le politiche sanitarie del territorio, dunque, avvicinare la cure, in particolare per i pazienti cronici e/o fragili, oltreché di tutta la popolazione. Purtroppo il progetto fatica a decollare.


Purtroppo ad oggi lo stato di attuazione delle Case della Salute non va oltre all’accorpamento in un'unica struttura degli ambulatori dei medici di base. In un territorio in cui si raggiungono i vertici nazionali di invecchiamento della popolazione, le strutture di residenza protetta del pubblico e dell’ASP sono decisamente insufficienti, tanto da lasciar spazio al fiorire di un lucroso business di strutture private dove gli standard qualitativi sono affidati ormai principalmente alla disponibilità finanziaria delle famiglie degli utenti.


Si apre così una minaccia di rottura sociale sul versante dell’incapienza, della tutela delle componenti sociali più deboli, al di là degli sforzi di solidarietà e volontariato che costituiscono ragione di vanto del nostro territorio e ciò genera paure e mina la nostra coesione sociale.


A questo scopo a partire dal prossimo autunno organizzeremo un cantiere di ricerca, elaborazione ed approfondimento, utilizzando anche il web ed i social, rivolgendoci alle competenze, agli operatori del settore, oltre che alla popolazione tutta, per elaborare coralmente un progetto di rivitalizzazione e rilancio della sanità e del welfare.


Su quel progetto daremo battaglia con tutte le nostre forze, con l’intento di unire un fronte largo di componenti democratiche e della sinistra, così da invertire la tendenza in atto al degrado e contribuire a formare nuove maggioranze per la guida dei Comuni della Bassa Romagna, in grado di inverare il progetto.


Articolo Uno MDP Bassa Romagna

2Commenti ...Commenta anche tu!

Commenti

Perché non vedi il tuo commento? Leggi le policy.

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Lugonotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@lugonotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.

  • Molto a malincuore si prende atto che, nei nostri comuni, abbiamo rinunciato a piccoli ospedali con la convinzione di avere un progetto sanitario con una struttura ospedaliera d'avanguardia, invece ci siamo trovati purtroppo con una struttura quella di Lugo che non era altro che un traslocco di personale poco efficiente e poco formato o mal formato . I cittadini sono persone, che comunque rispondono alle istituzioni attraverso il voto, la sanità in un territorio è una priorità non un opzione.

    30/08/2018 - Anna

  • BRAVA ANNA PERFETTAMENTE IN SINTONIA CON LEI,CURARE I MALATI è UN DOVERE SANCITO DALLA COSTITUZIONE E DEVE ESSERE FATTO AI LIVELLI PIù ALTI SENZA PENSARE AL RISPARMIO DI RISORSE-ANCHE PER CIò CHE RIGUARDA I DIVERSAMENTE ABILI SOSTENGO CHE DEVE OPERARE IL ..PUBBLICO..NON ABBANDONARLI AI PRIVATI-GRAZIE,LUCIANO BARUZZI GEOGRAFO ANZIANO ORA A LUGO

    31/08/2018 - luciano baruzzi



Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

Meteo Lugo

 

Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione

Credits webit.it