Giovedì 18 Ottobre 2018

Cultura. A Russi l'esibizione di "O Dulcis Virgo Maria" per "I Luoghi dello Spirito e del Tempo"

Giovedì 9 Agosto 2018 - Russi

In spazi suggestivi e pieni di storia, la 23^ edizione de “I Luoghi dello Spirito e del Tempo”, curata da Collegium Musicum Classense e con la direzione artistica di Maria Luisa Baldassari, Susanna Piolanti e Marina Scaioli - che unisce le sonorità della musica antica ai luoghi di maggior interesse artistico e architettonico della provincia di Ravenna - fa tappa alla Pieve di San Pancrazio oggi, giovedì 9 agosto, con l'esibizione di Arianna Lanci, Chiara Cattani e Perikli Pite dal titolo “O Dulcis Virgo Maria. Il culto mariano nel repertorio monodico italiano del primo Seicento”.


L’ingresso è gratuito. Per il programma completo consultare il sito ufficiale http://collegiummc.racine.ra.it/. Il programma è un viaggio attraverso il culto mariano  dipinto musicalmente in alcune tra le più intense e raffinate pagine del repertorio monodico italiano del '600. Le differenti anime della Vergine, la donna terrena e profondamente umana cui muore l'unico figlio e la Regina dei Cieli, madre di misericordia, prendono vita nelle composizioni di Monteverdi, Sances e Filago.

Il concerto si apre con la voce di Maria nel mottetto di Claudio Monteverdi Iam moriar mi fili, per poi approfondire il tema della madre addolorata attraverso la sequenza dello Stabat Mater nella versione di un altro grande compositore italiano del primo Seicento, Giovanni Felice Sances.

La narrazione del dolore di Maria si dispiega su di un basso ostinato la cui struttura ripetitiva si rivela particolarmente indicata ad esprimere la natura ossessiva del dolore, con una vocalità riccamente ornata che pone comunque al centro l'intelligibilità del testo. Nella prima metà del '600 Venezia, città dove fu attivo il rodigino Carlo Filago, diviene teatro di un'importante fioritura di mottetti dedicati alla Madonna, su preghiere mariane o versi del Cantico dei Cantici, com'è di "Tota pulchra es amica mea", che si ispira anche all'antifona mariana "Tota pulchra es Maria" e che è preceduto dal bellissimo "Salve Regina" dello stesso autore.

Fa da sfondo ai brani vocali un estratto dal Libro V di Pieces de viole di Marin Marais, tra i più grandi compositori per la viola da gamba, strumento solista al quale sono dedicati altri due momenti musicali: una Pavana dell'inglese Tobias Hume (soldato di professione e musicista per diletto, di cui restano due raccolte datate 1605 e 1607), e un preludio del francese noto con il nome di Sieur de Machy (attivo a Parigi all'epoca del Re Sole), di cui resta una sola raccolta del 1685, Pieces de viole en musique et en tablature, indicata come la prima pubblicazione per viola da gamba solista.

 

 

0Commenti ...Commenta anche tu!



Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

Meteo Lugo

 

Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione

Credits webit.it