Mercoledì 23 Maggio 2018

Politica. Stoccaggio di gas San Potito e Cotignola: M5S presenta osservazioni sul rischio sismico

Martedì 15 Maggio 2018 - Bassa Romagna, Cotignola

“Anche la Regione sembra concordare sulla pericolosità del progetto di sovrappressione nello stoccaggio di gas San Potito e Cotignola.” A dichiararlo è Ilaria Ricci Picciloni, consigliere capogruppo del Movimento 5 Stelle nel consiglio dell’Unione dei comuni della Bassa Romagna.

 

“Il Ministero dell’Ambiente ha pubblicato le osservazioni a esso pervenute in merito alla richiesta di Edison di poter procedere con prove di iniezione in sovrappressione nel sito e quanto si legge in queste osservazioni è inquietante. Dal sito del MATTM, a questo link http://www.va.minambiente.it/it-IT/Oggetti/Documentazione/1753/3104?pagina=3  è possibile scaricare sia l’elaborato presentato dalla Regione Emilia Romagna, che i due elaborati presentati da me e preparati con la collaborazione del Docente Universitario, Geologo e attuale Senatore del Movimento 5 Stelle Franco Ortolani" prosegue Picciloni.

 

"Dalle osservazioni della Regione, che sono il frutto di un tavolo avvenuto il 13 aprile, cioè dopo che con la mia interpellanza urgente di marzo ho esortato l’Unione della Bassa Romagna ad attivarsi immediatamente per fermare l’esperimento di forzatura della pressione fino al 20% in più dell’impianto di stoccaggio per recuperare lo spazio che l’acqua sottostante continua probabilmente a mangiarsi, si comprende come questo stoccaggio si stia rivelando un esperimento al buio, che va avanti per questioni economiche senza tenere conto né della pericolosità sismica del sottosuolo su cui è situato né del fatto che si sta sperimentando su un contesto di acquifero profondo".

 

"Ed è proprio sul tema dell’acquifero profondo che anche io ho impostato una delle due osservazioni inviate al Ministero: di fatto il progetto non sembra più rappresentare lo stesso progetto autorizzato quasi 10 anni fa, i dati da cui ha avuto origine il progetto sembrano essere incompleti, frammentari e superficiali, e in più se si sta lavorando nel contesto di un acquifero profondo preme ricordare che la legge vieta questo tipo di operazioni. L’altra osservazione che abbiamo prodotto invece evidenzia come le analisi condotte da Edison non tengano conto minimamente non solo delle sorgenti sismogenetiche superficiali che corrono nel sottosuolo ma in particolare non si sia minimamente preoccupata di verificare la situazione della faglia che portò al terremoto distruttivo del 1688 che ebbe come epicentro proprio Cotignola".

 

"Tutto questo in un altrettanto contesto di dubbio sulle conseguenze idrogeologiche e inquinanti, tanto è vero che la stessa Regione scrive: «si ritiene necessaria la progettazione di una rete di monitoraggio per il rilevamento di fuoriuscite al suolo e negli acquiferi superficiali del gas movimentato durante i cicli di stoccaggio/erogazione.» Insomma non c’è da star tranquilli, soprattutto tenendo conto del fatto che lo stoccaggio di gas non è l’unico che può portare deformazione del suolo in questo territorio, ricordiamo che sullo stesso territorio persistono anche altre autorizzazioni di coltivazione e giacimento gas (Longanesi) e stoccaggio (Stogit)".

 

"Quello che mi stupisce di più è che nella risposta pervenutami dai Sindaci della Bassa Romagna a seguito di mia interpellanza, gli stessi sindaci si definiscano solo preoccupati ma non contrari al progetto. Io invece invito tutti i cittadini della Bassa Romagna ad andare sul sito del MATTM e a scaricarsi quei PDF di osservazioni per comprendere immediatamente che questo progetto non è compatibile con questo territorio ed è un azzardo continuare ad ignorarne le conseguenze" conclude Ilaria Ricci Picciloni Consigliere Capogruppo del Movimento 5 Stelle presso il Consiglio dell’unione dei comuni della Bassa Romagna e presso il Consiglio comunale di Cotignola.

1Commenti ...Commenta anche tu!

Commenti

Perché non vedi il tuo commento? Leggi le policy.

Le 10 regole d'oro da seguire per la pubblicazione dei commenti

    1. Non usare oscenità, insulti, minacce, affermazioni denigratorie o diffamatorie
    2. Non fare affermazioni su privati o istituzioni o persone giuridiche se non sono provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
    3. Non violare la vita privata e la privacy altrui, non pubblicare recapiti privati di qualsiasi natura
    4. Non usare espressioni discriminatorie o offensive legate al sesso, al genere, alla religione, alla razza
    5. Non incitare alla violenza e alla commissione di reati
    6. Non pubblicare materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
    7. Non pubblicare messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione
    8. Non promuovere messaggi commerciali e attività di lucro di alcun genere
    9. Non utilizzare più di 1.000 caratteri per il tuo commento
    10. Non utilizzare il maiuscolo per il testo e scrivi in una forma comprensibile a tutti

 

Commenti moderati: le politiche della Redazione

La pagina di dettaglio degli articoli contiene, in calce, il form "Commenti" da compilare con nome, email e testo del commento. I commenti sono moderati e sarà la Redazione a decidere in merito alla loro pubblicazione. In generale, la Redazione NON pubblicherà:

    1. commenti che contengono insulti e affermazioni denigratorie
    2. commenti offensivi, minacciosi o contenenti attacchi violenti verso terzi
    3. commenti il cui contenuto possa essere considerato diffamatorio, ingiurioso, osceno, offensivo dello spirito religioso, lesivo della privacy delle persone, o comunque illecito, nel rispetto della legge italiana e delle leggi internazionali.
    4. commenti che violano la vita privata e la privacy altrui
    5. commenti con grossolani errori grammaticali e lessicali
    6. commenti non coerenti con l'argomento dell'articolo
    7. commenti nei redazionali a pagamento 
    8. commenti a note della Redazione
    9. commenti ad articoli dopo 10 giorni dalla data di pubblicazione dell'articolo stesso
    10. commenti avente come contenuto:
      • Indirizzi e-mail privati o Numeri di telefono o indirizzi privati
      • Offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede. Devono essere evitati commenti in chiave sarcastica, sbeffeggiatoria, sacrilega e denigratoria.
      • Razzismo ed ogni apologia dell'inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre.
      • Incitamento alla violenza e alla commissione di reati.
      • Materiale pornografico e link a siti vietati ai minori di 18 anni
      • Messaggi di propaganda politica, di partito o di fazione. Quindi non sono ammessi messaggi che contengano idee o affermazioni chiaramente riferite ad ideologie politiche.
      • Contenuti contrari a norme imperative all'ordine pubblico e al buon costume.
      • Messaggi commerciali e attività di lucro quali scommesse, concorsi, aste, transazioni economiche.
      • Affermazioni su persone non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
      • Materiale coperto da copyright che viola le leggi sul diritto d'autore
      • Messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S.Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti Internet, non inerenti ad argomenti trattati
      • In generale, tutto ciò che va sotto la definizione di "spamming"
     

Regole di netiquette

  • Il lettore è invitato a scrivere un commento in un linguaggio chiaro, adeguato e comprensibile a tutti.
  • I lettori sono invitati a non intraprendere lunghi botta e risposta con altri lettori, soprattutto se si tratta di questioni personali con altri utenti.
  • Il lettore è invitato a non scrivere in maiuscolo dove non necessario (significa che stai urlando).
  • Il lettore è invitato a non usare testi troppo lunghi, creano solo confusione.
  • Il lettore che invia un contributo rivolto esclusivamente ad un altro utente ricordi sempre che i servizi di Lugonotizie.it sono pubblici e che quindi il commento inviato verrà letto da tutti.
  • Si invita al rispetto degli altri lettori, soprattutto quelli che hanno idee diverse da chi scrive
 

Attività di moderazione

L'attività di moderazione verrà effettuata tramite un Amministratore e dei Moderatori che potranno:

  • approvare/non approvare i singoli commenti inviati dai lettori
  • cancellare i singoli commenti, messaggi
  • modificare le condizioni o il funzionamento dei servizi.

I moderatori vengono nominati e destituiti esclusivamente dall'amministratore. Il lettore concorda che l'amministratore e i moderatori dei servizi hanno il diritto al loro operato in modo insindacabile e qualora lo ritengano necessario.

L'amministratore e i moderatori faranno il possibile per rimuovere il materiale contestabile il più velocemente possibile, confidando nella collaborazione degli utenti.

È possibile che alcuni messaggi non conformi alla policy non vengano rimossi per disattenzione degli amministratori o dei moderatori o per loro precisa scelta.

I lettori sono comunque invitati a segnalare alla redazione tali messaggi, scrivendo all'indirizzo redazione@lugonotizie.it. In ogni caso il fatto che, a volte, un messaggio non conforme non venga rimosso non dà diritto a nessuno di contestare la decisione dell'amministrazione.

Note legali

Nel caso l'Editore riceva richiesta ufficiale dall'Autorità Giudiziaria dei dati in suo possesso circa l'identità degli autori di commenti agli articoli (che, come specificato nelle condizioni sulla privacy sono nome, indirizzo email e indirizzo IP), l'Editore è tenuto a fornirli. L'Editore assicura che i suddetti dati vengono comunicati a terzi solo in tali casi.

  • ma noi cittadini come possiamo fare ad essere maggiormente informati sulla situazione?

    15/05/2018 - claudio

...Commenta anche tu!




Meteo Lugo

 

Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione

Credits webit.it