Martedì 26 Marzo 2019

PD Bassa Romagna: Pieno rispetto delle minoranze e che il dibattito torni sulle priorità

Giovedì 5 Aprile 2018 - Bassa Romagna

Il Partito Democratico dell'Unione dei Comuni della Bassa Romagna ritiene doveroso ribadire il pieno rispetto per tutte le forze di opposizione sia all'interno degli organismi preposti, sia in tutti quei luoghi (per esempio i social network) dove anche nella recente campagna elettorale è stato fatto oggetto di attacchi difficili da inserire nella normale dialettica quotidiana. 

 

Un rispetto reciproco e civile per il quale chiediamo la garanzia di tutti i cittadini ed elettori che possono in ogni momento farsi un'idea propria (e non mediata) di chi li rappresenta, giudicandone modi e toni, aggressività presunta o latente. Ed è impossibile pensare che solo una parte politica rappresenti i cittadini: chi lo sostiene automaticamente declassa e svilisce tutte le altre persone che si avvicinano al voto perché individua elettori di serie A ed elettori di serie B. E qui sta il nodo del dibattito di questi ultimi giorni, dibattito nel quale deve tornare con forza in tutta la Bassa Romagna la questione delle tematiche territoriali.

Grazie agli amministratori espressione del Partito Democratico è stato possibile firmare negli ultimi giorni il patto strategico per lo sviluppo per la Bassa Romagna patto sottoscritto dai sindaci dei nove Comuni (non tutti a guida Pd) dell’Unione, dai rappresentanti del Tavolo dell’imprenditoria e delle organizzazioni sindacali della Bassa Romagna, dagli ordini e collegi professionali della provincia di Ravenna e dagli istituti scolastici superiori del territorio. Un lavoro di coesione e senso di responsabilità che sarebbe stato impossibile nello scenario apparso a mezzo stampa negli ultimi giorni nel racconto di alcune forze di opposizione, ma che al contrario consegna un indirizzo e una visione precisi per il presente e il futuro della Bassa Romagna.

 

Ma come Pd Bassa Romagna è doveroso andare oltre: concentrarsi sulle tematiche urgenti come il lavoro (inteso anche come qualità delle condizioni lavorative), l'ambiente, le sicurezze, la salute, le nuove povertà, le fragilità sociali e costruire assieme la Bassa Romagna dei prossimi anni, questo è il vero segnale che ci consegnano le elezioni dello scorso Marzo, l'esigenza di decidere assieme e coesi i temi, e di trovare assieme le soluzioni. Va fatto assieme ai giovani che per la prima volta hanno votato, e hanno votato Pd, va fatto assieme a chi per qualche motivo non è andato a votare, o a chi ci ha votato in passato ma oggi non ci vota più perché a suo avviso non è stato fatto abbastanza, o perché le questioni interne hanno tolto unità alla nostra azione. Il segnale, per lo meno in Bassa Romagna è stato compreso, ed è un segnale di rispetto e coesione. Su questo il Pd riparte per tornare a parlare di temi e costruire le proposte che ci accompagneranno nei prossimi anni. Su questo concentreremo il nostro operato e ogni nostro singolo sforzo.

 

Pd Bassa Romagna

0Commenti ...Commenta anche tu!



Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

Meteo Lugo

 

Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione

Credits webit.it