Giovedì 18 Ottobre 2018

Chiuse le iscrizioni alle scuole del ravennate, i primi dati: il 44% degli alunni sceglie i Licei

Lunedì 12 Febbraio 2018

A chiusura delle iscrizioni alle scuole in provincia di Ravenna, il cui termine era il 6 febbraio, risultano iscritti 9.422 alunni al primo anno dei 3 ordini di scuola (primaria, secondaria di 1° grado e secondaria di 2° grado), fa sapere il Dirigente UAT di Ravenna Agostina Melucci. 

Di questi, 2.983 in prima primaria, 3.358 al primo anno della secondaria di 1° grado, 3081 in prima superiore. I dati evidenziano una lieve flessione di alunni nella primaria (-50 rispetto al precedente anno) e nella secondaria (-44), una stabilità nel primo grado (erano 3.359). Sono numeri destinati a subire cambiamenti in incremento poiché ci sono ancora domande delle famiglie in lavorazione. Per la scuola dell’infanzia, non c’è ancora disponibilità di dati perché l’iscrizione è avvenuta per via cartacea.

La provincia registra una sostanziale stabilità nelle scelte degli indirizzi delle scuole di secondo grado rispetto all'anno in corso. I dati complessivi delle tre tipologie di Istruzione (Licei, Tecnici, Professionali) mostrano una prevalenza dei Licei (44,2%, pari a 1363 studenti); il 36,1% , pari a 1.113 alunni, sceglie l’indirizzo tecnico; il 19,7%, pari a 605 alunni, va al professionale. Rispetto al quadro regionale, Ravenna manifesta una minore iscrizione ai Licei (-3,1%) e maggiore ai Professionali (+3,1%) e identica percentuale per i Tecnici (36,1%).

Sul piano regionale si registrano i seguenti dati: 47,3% (Licei); 36,1% (Tecnici); 16,6 % (Professionali). A livello nazionale, il 55,3 % sceglie l’istruzione liceale (oltre il 12% rispetto alla Provincia); il 30,3 % va ai Tecnici (-6,1%); il 14% opta per il Professionale (-5,7%). Il territorio ravennate esprime però nel raffronto sia con quello regionale che nazionale una minore propensione verso il percorso liceale e una scelta più decisa verso i percorsi tecnici e professionali. Il 56% delle iscrizioni infatti è orientato verso questi ultimi tipi di istruzione.

Nello specifico l’area umanistica (classico, linguistico, scienze umane, scienze umane ad opzione economico-sociale, artistico) totalizza il 28% delle iscrizioni; allo scientifico (tradizionale + scienze applicate) va il 15,28; la parte principale del professionale è per metà rappresentata dall’alberghiero. La componente tecnologica (meccanica, elettronica, informatica) copre quasi il 13% e la componente economica l’11%. Si mantiene elevato il numero degli alunni iscritti ai licei. La scolarizzazione post obbligo segna peraltro una buona tenuta degli istituti tecnici e un punto a favore degli istituti professionali, quest’ultimo, forse, per positive previsioni occupazionali, in particolare nell’offerta alberghiera.

Quantità e tipologia d’iscrizione degli alunni alle scuole superiori della provincia di Ravenna indicano una buona educazione all’impegno dei ragazzi e un favorevole orizzonte di aspettative dei genitori. Questo è di conforto per la scuola come per la provincia, in quanto l’aspettativa concorre in parte non secondaria a costruire l’effettivo futuro dell’intero territorio e dei ragazzi. Si darà conto in un successivo comunicato delle iscrizioni alle scuole dell’infanzia; a queste verranno dedicate apposite iniziative in quanto la Provincia ha una luminosa tradizione in materia e quest’anno ricorre il 50° anniversario della fondazione della scuola materna di Stato, ora scuola dell’infanzia. 

0Commenti ...Commenta anche tu!



Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

Meteo Lugo

 

Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione

Credits webit.it