Sabato 23 Settembre 2017

Il PD fa la verifica di metà mandato dell'amministrazione comunale e promuove Ranalli

Venerdì 19 Maggio 2017 - Lugo

Ieri, giovedì 18 maggio, presso la sede del PD di Lugo, si è tenuta la conferenza stampa sulla verifica di metà mandato dell'attuale amministrazione comunale, introduttiva della conferenza pubblica che si svolgerà domani, sabato 20 maggio, presso la Sala del Carmine alle ore 9.30. Maurizio Montanari, segretario del PD, presenta lo schema che si propone di declinare i risultati dell'azione pubblica, attraverso un'analisi non burocratica bensì politica. 

 

Per Montanari si trattava di ripercorre i primi tre anni dell'amministrazione, i progetti e gli obiettivi raggiunti, e quelli ancora da raggiungere. Il segretario PD ha individuato i sette punti chiave su cui ci si è focalizzati per la verifica, direttamente collegati ai sette titoli del Programma del Sindaco.

1. Cultura: promozione di politiche culturali che valorizzino la comunità sociale e ne promuovano l'attrattività.

2. Accessibilità e accoglienza: una serie di progetti che favoriscano la creazione di una città "smart", consentendone la fruizione in forme più umane a favore della socializzazione.

3. Coesione: idea di città diffusa nel rapporto con le frazioni. Fondamentale il lavoro sull'integrazione, che vede il cittadino come risorsa e il territorio come luogo ideale di confronto con le persone.

4. Welfare: promozione del benessere dei cittadini tramite la qualità dei servizi alla persona e alle famiglie, grazie al presidio di adeguate strutture sanitarie, educative e sociali.

5. Sicurezza: rimodellamento della città e rinnovamento dei beni pubblici per renderli più sicuri e incrementare la manutenzione.

6. Crescita e lavoro: economia e lavoro i temi dominanti. Ci si è concentarti sullo snellimento dei procedimenti amministrativi a servizio delle imprese, nonchè sull'innovazione tecnologica e occupazionale per incentivare e agevolare le imprese e i privati presenti sul territorio comunale.

7. Futuro: il progetto iniziale era quello di dare vita ad una amministrazione che fosse più vicina ai cittadini e ai rappresentanti delle consulte, che promuovesse un welfare a favore delle persone, restituendo alla città la sua funzione di guida.

 

Per il PD il progetto non è cambiato, anzi continua, forte del dinamismo giovane dell'amministrazione, che promuove la cura quale elemento di qualità della città e fa del concertamento con le forze private e pubbliche e della dialettica con le forze di opposizione, il suo obiettivo costante. Una brochure del PD promuove l'azione della Giunta Ranalli e sottolinea i successi conseguiti e gli ostacoli superati, ricordando le condizioni economiche critiche ereditate tre anni fa dall'amministrazione uscente.

 

"C'era un forte indebitamento, frutto di importanti investimenti e risorse calanti, - spiega il Sindaco Davide Ranalli – un indebitamento che ad oggi è calato di quasi 14 milioni di euro".

 

"Noi del pd ci candidiamo a concludere il biennio e diventare forza responsabile per la prossima legislatura – termina il segretario PD Montanari – a partire dalla candidatura del sindaco Davide Ranalli, che ha governato la città esprimendo al meglio possibile le risorse calanti e le difficolta oggettive".

 

"Questo progetto è dimostrazione di quanto ancora oggi la politica possa svolgere un ruolo. – ha concluso il primo cittadino – Il PD a Lugo è un partito organizzato, unito, che ha dentro di sè visioni che possono talvolta divergere, ma che comunque riesce a trovare la sintesi per portare avanti le iniziative".

 

Alle domande sulla sua possibile ricandidatura il Sindaco Ranalli risponde: "Voglio arrivare in una condizione tale da capire se questo mio contributo è utile a far vincere il Partito Democratico. L'orgoglio di guidare questa città per me è stata l'esperienza politica più bella e credo che quando sarà il momento verificherò, anche tenendo conto delle mie condizioni personali, la possibilità di ricandidarmi. Ritengo che chi fa politica debba essere a disposizione, riconoscere i propri limiti ma anche essere consapevole di quale può essere il contributo che può dare all'interno di un determinato contesto. Se sarò ancora in grado di avere questa spinta innovatrice, e se questa potrà essere utile al Partito Democratico e alla coalizione che si schiererà, credo che sia non solo giusto ricandidarsi, ma anche doveroso. Se si presenterà questa condizione, la mia disponibilità sarà piena e totale".

 

A cura di Chiara Graldi

0Commenti ...Commenta anche tu!



Trascorsi 10 giorni dalla pubblicazione di un articolo non è piú possibile inviare commenti.

Meteo Lugo

 

Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione

Credits webit.it